La mia Interrogazione al Ministro Della Salute

Il sottoscritto interroga il Ministro della Salute

 premesso che:

  • Con Legge 248/2006 e’ stato convertito il Decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, recante disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonché interventi in materia di entrate e di contrasto all’evasione fiscale
  • Che nella relazione allegata al predetto decreto si dichiara che: ‘omissis … le disposizioni ivi contenute sono volte a promuovere la concorrenza per la tutela dei consumatori, in attuazione del Trattato CE (in particolare degli articoli 43, 49, 81, 82 e 86), nonché dei principi costituzionali fondamentali sanciti dall’articolo 3 (principio di uguaglianza formale e sostanziale) e dall’articolo 41 (principio di libertà di iniziativa economica), nonché degli articoli 11 e 117, commi primo e secondo, della Costituzione. Il settore farmaceutico è caratterizzato da una estesa regolamentazione pubblica, che influenza profondamente tanto le condizioni di domanda e di offerta dei beni e servizi, quanto i comportamenti e il grado di autonomia dei soggetti coinvolti (imprese, medici, farmacisti, pazienti)….omissis’
  • Che aggiunge : ‘omissis …. una serie di indagini conoscitive di natura generale e di pareri e segnalazioni su aspetti particolari, la permanenza di condizioni di concorrenza impedita, ristretta o falsata, nel processo di riforma avviato con la legge finanziaria per il 1994 e poi proseguito con le successive leggi finanziarie e con ulteriori provvedimenti che, in realtà, pur conseguendo importanti risultati di contenimento della spesa pubblica, non hanno comportato un superamento del metodo di amministrazione dei prezzi…omissis’
  • Che  prosegue: ‘omissis … fin da oggi è, però, possibile incidere da subito sul processo normativo ed anche culturale di innovazione, mediante lo sviluppo su larga scala dei farmaci generici o equivalenti e la diffusione fra consumatori dei prodotti da banco, al fine di promuovere l’introduzione di maggiori elementi di concorrenzialità nel settore, eliminando quei vincoli alla libertà dell’iniziativa economica che non risultano necessari al fine di assicurare le superiori esigenze della tutela della salute e del contenimento della spesa pubblica. L’articolo proposto reca, dunque, le misure suggerite dall’autorità̀ per favorire la concorrenza fra farmaci (interbrand), incentivare l’utilizzo dei farmaci generici, stimolare la concorrenza fra distributori al dettaglio (intrabrand), mediante:
  1. l’estensione dei punti vendita dei medicinali non soggetti a prescrizione medica, comunque secondo modalità rispettose del diritto alla salute dei consumatori (commi 1 e 2);
  2. la possibilità di praticare, secondo modalità trasparenti, lo sconto sui farmaci (comma 3);
  3. l’eliminazione dei gravosi obblighi dei grossisti di detenzione delle scorte (comma 4);
  4. l’eliminazione del vincolo fra Albo provinciale in cui è iscritto il farmacista e circoscrizione provinciale sede della farmacia e del divieto di assumere la titolarità di più di una farmacia e del divieto di partecipare a più di una società, nonché l’eliminazione della possibilità per gli eredi di ottenere la titolarità della farmacia fino al trentesimo anno di età ovvero fino al termine di dieci anni dalla data di acquisizione, a condizione che il dante causa si iscriva ad una facoltà di farmacia (commi 5 e 6); … omissis;
  • Che da tale relazione illustrativa appare chiaro l’intendimento del legislatore, rispetto la possibilità prevista dall’art 5 di apertura di attività denominate “parafarmacie”, di promuovere una concorrenza di mercato a tutela dei consumatori nel settore sanitario;
  • Che l’ istituzione delle “parafarmacie” hanno dato anche la possibilità  a tutti coloro che, seppur in possesso del titolo accademico ,  stante il contingentamento dei numeri di farmacie possibili nel territorio nazionale, di avviare una propria attività, suppur residuale, in tale settore;
  • Che di contro risulta che molti titolari di farmacie siano anche titolari di parafarmacie creando di fatto una dicotomia  dove i due concorrenti economici coincidono;

per conoscere

  • i dati nazionali relativi a quante parafarmacie sono in attività,
  •  quante di esse sono gestite da farmacisti (ditte individuali) che non siano contestualmente titolari di farmacie