CHI SONO

 

chi-sono

Nasce a Roma il 12 maggio 1964 nel quartiere Aurelio, dove inizia a interessarsi fin da ragazzo dei principali problemi del territorio, alternando all’impegno civico e allo studio la passione per lo sport, che lo porta a gareggiare a livello nazionale nella pallanuoto come atleta delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato.

Dopo aver conseguito nel 1983 la maturità al Liceo Scientifico Malpighi, entra nei ruoli della Polizia di Stato come agente, proseguendo il suo impegno sportivo come allenatore.

Nel 1993, in concomitanza con le prime elezioni dirette del Sindaco di Roma, decide di dare seguito al proprio impegno candidandosi quale consigliere della XVIII Circoscrizione, risultando eletto e svolgendo una costante attività di ascolto dei cittadini per la soluzione delle numerose problematiche in materia di trasporti, istruzione e servizi sociali.

Nel 1997, forte del crescente radicamento territoriale e dell’apprezzamento per le iniziative assunte, viene eletto Consigliere Comunale di Roma con oltre 3 mila voti.

Nel 2000  svolge anche le funzioni di sub-commissario governativo dell’UNIRE (Unione nazionale incremento razze equine) senza però venire mai meno al costante impegno in Consiglio comunale e in particolare nella Commissione Urbanistica e nella Commissione Lavori Pubblici e Trasporti.

Nel 2001 viene nuovamente rieletto in Comune, aumentando esponenzialmente il numero di voti raccolti e prosegue la propria attività sui principali temi in discussione, dal nuovo Piano regolatore, ai Trasporti, all’Ambiente.

Nel 2005 decide di candidarsi alla Regione Lazio, raccogliendo oltre 14 mila voti a Roma e Provincia e venendo nominato Assessore alle Risorse Umane, Demanio e Patrimonio.

In questa veste avvia numerose attività tra cui il primo censimento del patrimonio regionale curandone la valorizzazione, riduce i fitti passivi per le sedi regionali acquisendo in permuta dallo Stato la sede di Via Cristoforo Colombo, dimezza i dirigenti regionali – mettendo fine all’anomalia di oltre 500 dirigenti su 3000 dipendenti – e concorre al riassetto societario di Lazioservice, proponendo la stabilizzazione di 900 precari.

Dal 2009 è Assessore all’Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione, dove pone le basi per il recupero dei ritardi storici della Regione Lazio nell’utilizzo dei fondi strutturali, il rilancio dell’Agenzia per il diritto allo studio – Laziodisu e l’aumento dei posti alloggio nelle residenze universitarie, l’avvio della Scuola di Alta Formazione Alberghiera nei locali dell’Ex ENALC di Ostia e l’organizzazione di numerosi corsi di formazione a valenza innovativa.

Nel 2010 viene rieletto Consigliere regionale con circa 16 mila voti ed entra a far parte della Commissione “Scuola, diritto allo studio, formazione professionale, Università” e della Commissione “Urbanistica”.

Nel 2011 è nominato dal Consiglio regionale Presidente della Commissione speciale “Roma Capitale – Federalismo Fiscale”.

In tale ambito concorre attivamente alla definizione concreta del percorso normativo e regolamentare che conduce all’istituzione di Roma Capitale, a quasi trenta anni dalla sua prima affermazione.

Nel 2013, a seguito della partecipazione alle primarie, viene candidato dal Partito Democratico alla Camera dei Deputati, risultando eletto.

Viene nominato componente della Commissione VI “Finanze”, dove si contraddistingue per l’immediato impegno su tematiche di primario interesse dei cittadini quali il contrasto del gioco d’azzardo mediante l’istituzione di un’apposita “carta del giocatore”, la tutela degli interessi delle vittime della strada, dei consumatori e delle piccole e medie imprese contro lo strapotere delle assicurazioni nell’ambito della revisione della normativa sulla Rca Auto, il sostegno al settore produttivo della birra, vessato da un insostenibile incremento delle accise e numerose altre iniziative, sempre concepite e realizzate ascoltando i cittadini e l’elettorato, a cui continua tuttora a rispondere in maniera quotidiana ad oltre 20 anni dal suo primo impegno istituzionale.